Organizzazione

FISCALITÀ
IMMOBILIARE


L’incidenza degli oneri fiscali riveste spesso un ruolo determinante nell’ottimale gestione di un immobile aziendale, così come nell’andamento di un’operazione immobiliare.  A seconda delle opzioni intraprese, si possono prevedere profili fiscali nettamente diversi, con la conseguente variazione dei risultati economici.

L’ottimizzazione delle politiche fiscali connesse agli immobili aziendali inizia dal loro inserimento e rappresentazione in bilancio e richiede l’apporto di professionisti altamente qualificati.


Giambattista Poggi

Dottore Commercialista e revisore contabile, titolare dello Studio Poggi & Associati.

 

Si occupa di tutte le problematiche civilistiche e fiscali di società immobiliari, con particolare riferimento agli aspetti tributari inerenti gestione e sviluppo patrimoniale.

L’esperienza ultratrentennale, individuale e del proprio Studio, è maturata prestando assistenza e consulenza a società e fondazioni con rilevanti patrimoni immobiliari, rivestendo anche cariche negli organi amministrativi e di controllo.

 

Specifici approfondimenti sono stati condotti sugli aspetti inerenti le imposte dirette ed indirette proprie delle compravendite immobiliari, di ordinaria e straordinaria amministrazione, oltre all’attività di pianificazione finanziaria con elaborazione di budget, redazione di rendiconti finanziari e bilanci infrannuali.

CONTRATTUALISTICA
IMMOBILIARE


Nella gestione degli immobili aziendali, un’attenta definizione della contrattualistica permette di raggiungere risultati ottimali, sia in termini di rapporti fra le parti, sia per le possibili ripercussioni fiscali, sia soprattutto per l’efficace conseguimento delle effettive finalità che i singoli contraenti si prefiggono.

Fra i casi aziendali è illustrata una strategia commerciale che, attivando in Spagna vendite con riserve di usufrutto temporanee, riuscì ad aprire un mercato di sbocco altrimenti latente.


Luigi Castello

Titolare dell’omonimo studio notarile a Genova, già presidente del Consiglio Notarile dove ha espletato il mandato di massima durata (6 anni).

 

Grazie alla sua professione e alla conoscenza dell’attività dell’intera categoria conseguente il suo ruolo, ha maturato negli anni una conoscenza dettagliata del mercato immobiliare e competenze specialistiche inerenti le procedure connesse alle trattative e alle compravendite immobiliari, nonché a tutti gli atti costituenti diritti reali o comunque di disposizione dei beni immobili.

 

Ha preso parte a numerosi convegni e seminari presso enti e associazioni di categoria, dove ha trattato di volta in volta argomenti specialistici del diritto e della fiscalità immobiliare.

E’ professionista di fiducia per alcune grandi imprese ed enti genovesi.

DIRITTO AMMINISTRATIVO E IMMOBILIARE


Gli immobili (e in particolar modo quelli aziendali) valgono per quanto potranno diventare e per il reddito che saranno in grado di generare.

Questo assunto implica dunque la necessità di conoscere in modo ottimale il diritto attinente sia la gestione, sia la trasformazione degli immobili.  Sono frequenti i casi in cui differenti approcci e/o interpretazioni di queste tematiche hanno condotto a risultati profondamente diversi, sia dal punto di vista cronologico che da quello economico/finanziario.


Alberto Marconi

Avvocato iscritto all’Ordine di Genova, titolare dell’omonimo studio professionale.

 

Già socio fondatore dello studio Acquarone, dove ha perfezionato una pluriennale esperienza, ha optato per una soluzione indipendente per uno sviluppo ancora più evoluto delle proprie competenze e del servizio al cliente, anche a seguito delle incalzanti innovazioni che hanno caratterizzato la professione legale in questi ultimi anni.

Appartiene alla grande scuola di amministrativisti genovesi, che da decenni si segnala come prioritaria a livello nazionale.

 

Ha seguito significativi progetti di sviluppo o ristrutturazione immobiliare, così come situazioni di vincoli urbanistici o di destinazione d’uso, con tutte le complesse problematiche inerenti simili procedure.

Spesso, infatti, diventa essenziale individuare nuove e più aggiornate interpretazioni della normativa che permettano di superare condizioni di “impasse”.  Su questi argomenti è anche da vari anni consulente designato dall’Ordine degli Architetti di Genova.

VALUTAZIONI E STRATEGIE IMMOBILIARI


La corretta valutazione di un immobile, sia in termini attuali che prospettici, è alla base di moltissime attività che ineriscono tale categoria di cespiti: la cronaca testimonia quotidianamente gli effetti negativi che erronee valutazioni hanno sui processi di alienazione immobiliare.

Nel caso di immobili aziendali, è fondamentale parlare di “strategie“, perché è solo tramite un processo dinamico riferito al mercato che si può raggiungere la loro ottimale valorizzazione.


Carlo Frittoli

Dottore Commercialista iscritto all’Albo esperti immobiliari C.C.I.A.A. di Genova.

 

In oltre 30 anni ha progressivamente perfezionato modalità innovative per la valutazione degli immobili aziendali complessi.  Ha ideato un “rating” delle operazioni immobiliari adottato dal mondo creditizio e assicurativo per stimarne le probabilità di “default”.  Ha creato software specialistici per la valutazione di tipologie edilizie specifiche e per la gestione di commesse immobiliari.

 

Consulente strategico per l’impostazione di fondi immobiliari e per la gestione dinamica di patrimoni immobiliari, si occupa dell’analisi di attendibilità dei sistemi di aggiornamento automatizzato dei valori delle garanzie immobiliari sui crediti deteriorati (“non performig loans”).

Relatore a numerosi convegni, ha partecipato a vari tavoli UNI sul settore edilizio/immobiliare ed è esaminatore per la certificazione dei valutatori immobiliari ex norma UNI11558.

CRISI D’IMPRESA
E IMMOBILI


Nelle crisi d’impresa gli immobili rivestono un ruolo chiave.

Ciò, non solo in un’ottica di potenziale monetizzazione, ma spesso anche in chiave strategica: quante volte un immobile strumentale non è più rispondente alla funzione cui era stato chiamato e andrebbe sostituito per caratteristiche dimensionali, tecniche, ubicative?  L’inadeguatezza di taluni immobili strumentali può gravare in modo determinante sui bilanci delle imprese in difficoltà: s’impone quindi un’attenta analisi degli immobili sia in termini oggettivi, sia con specifico riferimento al loro ruolo all’interno dell’azienda.


Marcello Pollio

Dottore Commercialista e revisore legale, titolare dello Pollio & Associati.

 

Esperto di piani di rilancio e specializzato in procedure di composizione della crisi d’impresa, si occupa di ristrutturazioni aziendali e “distressed asset deal”.

Membro di vari Gruppi di lavoro nell’ambito del CNDCEC, già presidente della Commissione di studio “Il Concordato preventivo in continuità aziendale”, ha partecipato alla redazione di vari studi, fra cui le linee guida per le perizie di stima dei beni gravati da privilegi e prelazioni soggetti al degrado delle ragioni dei creditori nell’ambito delle procedure di concordato preventivo e fallimentare.

Ha contribuito a redigere: “Principi di attestazione dei piani di risanamento” (AIDEA e CNDCEC), “Informativa e valutazione della crisi d’impresa” (CNDCEC), “Linee guida per la valutazione delle aziende in crisi” (SIDREA e CNDCEC).

 

Autore di pubblicazioni in materia di crisi d’impresa e diritto societario, su questi temi è docente presso varie università e la S.A.F. Tosco Ligure (Scuola di Alta formazione dei Dottori commercialisti), oltre che in seminari e master specialistici. E’ coordinatore del modulo procedure concorsuali del Master tributario IPSOA e membro del comitato scientifico di A.P.R.I. (Associazione Professionisti Risanamento d’Impresa).

Consigliere dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Genova, è delegato a due Commissioni di studio specialistiche. Consulente di primari gruppi industriali e bancari, ha curato le perizie di degrado dei crediti preferiti nelle procedure di SEAT PG e Parmacotto Spa e ha attestato vari Piani di risanamento ex art. 67, co. 3, lett. d), l.fall. e accordi di ristrutturazione dei debiti ex art. 182 bis l.fall. anche per conto di importanti istituti di credito.

PROCEDURE GIUDIZIARIE IMMOBILIARI


Il settore delle esecuzioni immobiliari è sempre più al centro dell’attenzione, anche in considerazione del crescente numero di sofferenze creditizie.

Pertanto, detto settore richiede un approccio professionale sempre più specialistico e dedicato, con l’attivazione di interscambi conoscitivi fra delegati alla vendita, custodi giudiziari, valutatori immobiliari, esperti del mercato.  E’ solo tramite la costituzione di una rete siffatta che tale settore riuscirà a raggiungere i risultati di efficienza, efficacia e tempestività che da più parti si sentono frequentemente invocare.


Massimo Molinari

Avvocato, mediatore civile e commerciale.

 

Da oltre un decennio svolge attività specialistiche nel settore immobiliare, essendo consulente consolidato di importanti organismi pubblici e privati.
Collabora col Tribunale di Genova e con quello di Milano quale delegato alle vendite immobiliari e curatore di eredita giacenti.

Si occupa della gestione dei crediti deteriorati (“non performing loans”) e degli immobili sottostanti alle relative garanzie.

 

Esperto di diritto immobiliare e fallimentare, opera quale consulente nelle situazioni di crisi d’impresa, prevalentemente allorché si ravvisi la presenza di immobili.

E’ consulente legale dell’Ordine degli Architetti e dell’A.P.E./Confedilizia di Genova.

Massimiliano Tumiati

Ragioniere Commercialista e revisore legale

 

Titolare dell’omonimo Studio, nel 2007 ha costituito Asso.Pro.V.E., associazione di professionisti specializzati nelle procedure esecutive immobiliari, della quale segue l’attività di programmazione ed organizzativa.  In tal modo ha potuto maturare competenze sia d’ordine teorico che pratico, affrontando le problematiche che si sono via via presentate ai singoli delegati alla vendita e impostando strategie risolutive unitarie.

 

A livello nazionale, si tratta di uno degli esempi più rilevanti di rete professionale che si propone al Tribunale in termini unitari e sinergici, mettendo a fattor comune le esperienze di tutti e le funzioni di supporto logistico, allo scopo di ottimizzare tempi ed esiti di ogni singola procedura, individualmente considerata ma gestita secondo modalità predeterminate e trasparenti.

Pregia Associazione

Presidente:

Dr. Marcello Pollio

Vice Presidente:

Avv. Massimo Molinari

Tesoriere:

Dr. Giambattista Poggi

Segretario:

Dr. Carlo Frittoli

Altri Consiglieri:

Notaio Luigi Castello
Avv. Alberto Marconi
Dr. Massimiliano Tumiati